Rinoplastica – Rinosettoplastica

RINOSETTOPLASTICA: PER UN NASO ARMONICO. NON PIÙ TAMPONI NÈ DOLORE.

 ..esistono molte tecniche di rinoplastica ed è proprio la scelta della procedura “giusta” unitamente alle esigenze del paziente a condurre ad un naso che non sembri “rifatto”. Si osservano dei veri e propri obbrobri e credo che ciò sia il risultato di un errore di progettazione piuttosto che di una “mano chirurgica” poco felice.

La rinoplastica consiste nel rimodellare le strutture cartilaginee e ossee che formano il naso. L’intervento viene eseguito in anestesia generale o in qualche caso selezionato in anestesia locale con sedazione. L’obiettivo è creare un naso proporzionato e in armonia con le caratteristiche peculiari che ogni volto possiede. La durata dell’intervento è di circa 40 minuti ma ogni naso è diverso dall’altro e può essere necessario più tempo.

Contrariamente a quanto ritenuto, la rinoplastica non è assolutamente un intervento doloroso con le tecniche e gli strumenti attualmente a disposizione.

Spesso si associano la settoplastica e la turbinoplastica ovvero procedure che hanno l’obiettivo di migliorare la respirazione nasale quando sussistano le indicazioni cliniche. Se è presente poliposi nasale o dei seni paranasali si effettua una procedura denominata FESS (endoscopia funzionale endoscopica dei seni paranasali) ovvero l’asportazione delle neoformazioni polipoidi mediante uno strumento chiamato microdebrider e la visione dell’interno del naso e di tutte le strutture annesse su un video mediante delle fibre ottiche.
Non ci sono limiti massimi di età e mentre per la rinoplastica è opportuno aspettare l’età dello sviluppo in alcuni casi selezionati i bambini hanno l’indicazione per una FESS che può essere tra l’altro utilizzata anche per l’asportazione selettiva delle adenoidi.